Altre ricette con:

CLAFOUTIS CON ALBICOCCHE

Il clafoutis con albicocche è un dolce cotto al forno composto da frutta fresca affogata in una pastella simile a quella delle crêpes.
Il clafoutis è un dessert si è diffuso nel XIX secolo nella regione del Limousin, regione poco popolata della Francia dopo la Corsica.
Ed è qui che nasce uno dei dolci più popolari del paese la cui notorietà si estende anche oltre confine: il clafoutis, un dolce di facilissima preparazione.
La regione del Limousin poi vanta le ciliegie più belle e succose di Francia ed è per questo che principalmente il clafoutis si prepara con le ciliegie.
Originariamente questo gustoso dolce veniva preparato per essere portato nei campi e gustato durante una pausa dal duro lavoro.
Proprio per questo motivo il clafoutis prese la nomina di dolce tipico dei contadini.
Il nome clafoutis ha un’etimologia molto discussa: secondo alcuni la parola deriva da clafir che significa guarnire o riempire; per altri, invece, l’origine di questo nome deriva dal latino, clavum figere, che significa conficcare un chiodo, riferendosi al modo in cui le ciliege vengono piantate nell’impasto.
Il clafoutis è un dolce cotto al forno, preparato con ciliegie nere, immerse in una pastella simile a quella delle crèpes composta da farina, uova, latte, e zucchero.
Secondo i puristi di questa golosa delizia, il segreto nella buona riuscita di questo dolce sta nel nocciolo della ciliegia, infatti si consiglia di non eliminare il nocciolo sia per preservare il succo, il gusto, e le sostanze nutritive sia per non far riversare il succo stesso nel composto.
Con il passare del tempo e delle mode sono state perfezionate diverse ricette e versioni del clafoutis, tanto che oggi è diventato un dolce per qualsiasi stagione, in quanto al posto delle ciliegie viene utilizzato qualsiasi tipo di frutta, purché fresca e molto matura.
A me piace mettere nell’impasto anche la frutta caramellata, senza succo ovviamente.
Il clafoutis prima di servirlo lo potrete spolverare con lo zucchero a velo e frutta fresca.

Per chi preferisce invece mangiare salato, vi dico che ci sono anche varianti salate, in cui al posto dello zucchero si mette formaggio grattugiato, ed al posto della frutta verdura cotta (funghi, spinaci, bietole, cavolfiori, ortiche). Un’ulteriore variante è quella di utilizzare pane raffermo senza crosta, bagnato di latte o succo di frutta, al posto della farina . È un modo elegante di riciclare avanzi. Le signore che cucinano spesso clafoutis, pietanza piuttosto facile, vengono chiamate “clafouteuses”.

Ingredienti per uno stampo da 28 cm:

uova 3
zucchero semolato 100 g
farina 70 g
latte 200 ml
sale un pizzico
vanillina 1 bustina
frutta di stagione )ciliegie, albicocche, pesche…)
lime 1 il succo
zenzero
zucchero di canna 2 cucchiai

Per imburrare lo stampo:

Burro 10 g
Zucchero 30 g

Preparazione:

Per prima cosa lavare e tagliate a pezzi la frutta che avete scelto, metterla in una padella con 2 cucchiai di zucchero di canna ed il succo del lime.
Caramellare la frutta per qualche minuto e far raffreddare.
Preparare la pastella versando in una terrina lo zucchero, la farina, la vanillina e lo zenzero, mescolare, unire le uova ed amalgamare bene con una frusta.
Per ultimo versare il latte a temperatura ambiente a filo.
Avrete ora una pastella abbastanza fluida.
Imburrare la pirofila, cospargere il fondo con poco zucchero, coprire il fondo con la frutta e versare sopra la pastella.
Cuocere il clafoutis in forno caldo a 160° per 45 minuti.

Altre ricette con: