Altre ricette con:

COZZE RIPIENE AL SUGO DI POMODORO

Le cozze ripiene al sugo di pomodoro arrivano sulla mia tavola grazie ad una ricetta della cucina pugliese ma che nel mio caso si trasforma in marchigiana visto l’utilizzo del mosciolo tipico mollusco simile alla cozza ma che si pesca solo a Portonovo, alle pendici del monte Conero. Dalle mie parti la cozza non è cozza, ma mosciolo! E quello di Portonovo è veramente speciale perché, grazie alla tipologia di scogliera rocciosa che caratterizza questo tratto di costa del mare Adriatico, la cozza vive e si riproduce spontaneamente in quantità tali da poter essere pescata e venduta.
Nessun allevamento di moscioli dunque ma solo spontanea riproduzione per deliziare i nostri palati.
Nel 2004 Slow Food ha inserito tra i suoi Presidi questa rara specialità, per salvaguardarla e valorizzarla.
I pescatori del Presidio hanno lavorato molto sulla filiera del mosciolo selvatico di Portonovo, in modo da garantire sia la provenienza dei molluschi dalle zone di pesca previste, che la tracciabilità del prodotto lungo tutta la catena distributiva.
Il periodo di pesca del mosciolo è solamente estivo e va da Aprile a Ottobre.
I nostri pescatori e non solo loro amano mangiare i moscioli appena pescati, crudi con il forte profumo delle alghe e del mare, aperti e gustati senza alcun condimento, oppure alla marinara, aperti in pentola con aglio, prezzemolo, olio e pepe.
In cucina ci possiamo preparare la classica pepata di moscioli, oppure saporiti ragù e non manca la sempre tradizionale mosciolata gratinata.
Io vi invito a fare del mosciolo un secondo piatto molto nutriente, ripieno di pane e affogato nel fresco sugo di pomodoro.

Ingredienti:

  • Cozze o moscioli 1 kg
  • Mollica di pane raffermo 150 g
  • Formaggio grattugiato q.b.
  • Aglio 2 spicchi
  • Prezzemolo
  • Uovo 1
  • Latte per ammollare il pane
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe
  • Passata di pomodoro 700 ml
  • Filo per legare

Preparazione:

Lavare le cozze raschiandole bene.
Per aprirle, premere con le dita sulla cozza per farla aprire leggermente ed infilare il coltellino per aprirle.
Questo è il metodo originale per aprirle ma io non avendo molta dimistichezza con le cozze chiuse, le ho fatte aprire in padella.
Raccogliere l’acqua delle cozze sia se le aprite da crude sia che le fate aprire in padella.
L’acqua delle cozze si userà per insaporire il ripieno.
Una volta aperte le cozze vanno farcite con un po’ di impasto preparato con la mollica di pane ammollata nel late e poi strizzata, amalgamata con parmigiano, sale, pepe e uovo.
Eì meglio preparare l’impasto prima e lasciarlo riposare in frigorifero.
Quando avrete farcito le cozze, chiuderle legandole con il filo di cotone avendo cura di fare parecchi giri.
Eliminare l’impasto in eccesso.
Sistemare le cozze ripiene nel sugo portato a bollore e far cuocere con coperchio per circa 15 minuti.
Vi consiglio di togliere il filo alle cozze prima di servirle con il sugo.

Altre ricette con: