Altre ricette con:

FRIGGIONE

Il friggione, in dialetto bolognese frizòn o frizàn, è una salsa a base di cipolla bianca e pomodori pelati tipica proprio della tradizione culinaria bolognese.
Un piatto della cucina povera da servire principalmente come contorno: una preparazione molto sostanziosa e semplice, ma che prevede tempi lunghi.
Per cominciare le cipolle devono macerare in una terrina con il sale e lo zucchero per 4 ore, poi vengono soffritte a fuoco lento nello strutto per 2 ore e per ultimo si aggiungono i pomodori pelati e si fa cuocere il tutto per altre 2 ore.
La lunga macerazione delle cipolle e la cottura, aiutano a rendere la cipolla facilmente digeribile e non “invadente” per l’alito, tranquilli.
Io preparo il friggione solitamente la domenica quando me ne resto a casa e non devo guardare l’orologio. Piatti del genere devono essere preparati solo come la tradizione vuole.

La tradizione culinaria bolognese ed emiliana in genere per me conta molto per due motivi, il primo è che ho una cognata bolognese DOC e grazie a lei non mi sfugge niente e l’altro motivo invece p che ho avuto la fortuna di vivere per anni a Parma città Regina degli ANOLINI o come dicono i parmigiani i GALLEGGIANTI in brodo.
Com’è bello viverle le esperienze culinarie con gli idigeni del luogo, non c’è modo migliore per entrare nella loro cultura.

Ma tornando al friggione vi chiederete come accompagnarlo e servirlo, be vi dico che basta una bella fetta di pane tostata o anche no e via a fare pure la scarpetta oppure magari come accompagnamento al classico “arrosto morto” che resta sempre un tantino asciutto ed in questo caso le cipolle lo accompagneranno al meglio!

Ah un ultima cosa…il friggione crea dipendenza!!

Ingredienti:

  • cipolle bianche 2 kg
  • sale grosso 1 cucchiaino
  • zucchero 1 cucchiaino
  • pomodori pelati 300 g
  • strutto 1 cucchiaio (oppure olio evo 3 cucchiai)
  • sale e pepe

Preparazione:

Pulire le cipolle, affettarle sottilmente utilizzando un coltello o una mandolina
Mettere le cipolle in una ciotola con il sale e lo zucchero e lasciarle macerare per almeno 4 ore. Trascorso il tempo necessario, versare le cipolle, insieme al liquido che avranno rilasciato, in un tegame con lo strutto oppure nell’olio evo.
Lasciarle cuocere per un paio d’ore mescolando di tanto in tanto.
Non appena le cipolle si saranno scurite, aggiungere il pomodoro e completare la cottura per altre 2 ore.
Quasi a fine cottura aggiustare di sale e aggiungere il pepe.
Il friggione è pronto per essere servito sui crostini di pane, come contorno per piatti di carne o per accompagnare la polenta.

Altre ricette con: