Altre ricette con:

CICERCHIA PASTA E COZZE

La cicerchia pasta e cozze è una zuppa saporita e completa perfetta per un pasto ben bilanciato.

Ma per capire cosa sia la cicerchia facciamo un passo indietro quando troviamo questo legume sulle tavole dei contadini nel dopoguerra quando la carestia e la fame si facevano sentire ed era necessario sfamare le numerose famiglie dell’epoca.

Io ho sempre sentito parlare della cicerchia da mia mamma, lei adora questo legume ma, cosa strana, non l’ha mai cucinato per noi in famiglia.

La cicerchia è un legume amato ma anche disprezzato, simbolo di una cucina povera che però non è riuscita a conquistare il grande pubblico. Sarà forse per quell’acido che contiene, l’Odap, responsabile di alcune gravi malattie, chissà. Fatto sta però che c’è pure chi sostiene che il segreto della longevità degli abitanti di Campodimele in provincia di Latina stia proprio nel consumo della cicerchia.
Un grande pregio della cicerchia è che è ricca di proteine, ottima per l’alimentazione dei vegani e vegetariani, sempre a caccia di proteine non animali.
Senza dimenticare poi fibre, calcio, vitamine del gruppo B e fosforo presenti nel legume.

Ma come si cucina la cicerchia pasta e cozze?
Dopo averla messa a bagno in acqua e sale per 24 ore, va fatta bollire per almeno 2 ore e poi scolata. Ma attenzione ai diversi tipi di cicerchia. Quella che ho usato io coltivata nelle Marche ad Appignano in provincia di Macerata, necessita di una cottura più breve 1 ora scarsa.
Poi dopo averla lessata la cicerchia va insaporita e finita di cuocere secondo il proprio gusto. Io l’ho voluta abbinare al pesce, in particolare le cozze con aggiunta di pasta.
Alcune ricette prevedono anche l’aggiunta di patate, guanciale e, nel soffritto, di carote e sedano. In alternativa, soprattutto nella mia terra le Marche, è diffusa la ricetta con lardo o pancetta.

Ingredienti per 4 persone:

  • cicerchie 300 g
  • pasta mista o a piacere 100 g
  • sedano 1 costa
  • carota 1
  • cipolla 1 piccola
  • cozze prive di guscio 200 g
  • sale
  • pepe
  • peperoncino
  • olio extravergine di oliva
  • acqua calda per terminare la cottura della zuppa 1 l circa

Preparazione:

Iniziare mettendo la cicerchia in ammollo.
E’ necessario metterla a bagno in acqua fredda per 24 ore, avendo cura di cambiare l’acqua almeno un paio di volte.
Gettare l’acqua in cui è stata a bagno, risciacquarla in acqua corrente ed eliminare le pellicine coriacee.
Mettere la cicerchia nella pentola con acqua fredda senza sale (si consiglia la proporzione di 1 litro d’acqua per 100 grammi di cicerchia).
Portare a ebollizione a fuoco moderato.
Quando l’acqua bolle, continuare la cottura per 40 minuti, coprendo a metà la pentola con un coperchio, aggiungere poco sale alla fine.
A fine cottura scolare e tenere da parte.

Preparare un trito di sedano, carota e cipolla.
Scaldare 2 cucchiai di olio evo, soffriggere il trito di verdure a fuoco dolce.
Aggiungere le cozze senza guscio, cuocerle un paio di minuti, toglierle dal soffritto e aggiungere la cicerchia.
Salare, pepare, unire il peperoncino e un paio di mestoli di acqua bollente non salata.
Cuocere per 15 minuti e poi unire la pasta e le cozze che avevate cotto in precedenza.
Completare la cottura, servire la zuppa con un filo di olio evo a crudo.

In questa zuppa io ho aggiunto anche un cubetto di bisque di granchio per dare ancora più sapidità e gusto di pesce.
Per la ricetta della bisque cliccare qui.

Altre ricette con: